Dentro la bolla

Dentro la bolla

con espressione lieta

sta la fanciulla 

verdefronda

Annunci
Questa voce è stata pubblicata da verdefronda.

6 thoughts on “Dentro la bolla

  1. Devo dire che mi ha colpito molto perchè mi ricorda il modo di scrivere e scambiarsi senryu irriverenti, o haikai, delle corti imperiali. Non vera e propria satira, ma la riflessione sulla natura umana era sempre velata di una piccola spesso amara ironia. Probabilmente travalico l’intenzione dell’autore ma riesco a immaginarli benissimo, questi tre ku, come rimprovero di indolenza indirizzato a un consigliere della corte, o magari un ministro, da un altro uomo politico più decisionista. Egli viene paragonato alla fanciulla che vive nel suo protetto mondo incantato, inconsapevole della dura realtà al suo esterno, e felice nel suo palazzo dorato.
    Questo volo di fantasia non è dovuto (spero) ai prodromi della pazzia, ma al fatto che questo era proprio il modo tipico di apostrofarsi dei membri della corte del periodo Edo.

  2. Ad Arashisei. Hai colto bene il plurimo significato di questi versi, il primo verso indica appunto il mondo incantato in cui vivono le fanciulle, il secondo rappresenta la gioia di vivere e la meraviglia per le bellezze del creato, ed il terzo racchiude e conclude il significato con quel pizzico di condiscendenza ironica.
    Grazie per il graditissimo commento!
    Giorgio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: