Sull’immagine di Hiroshige

si spegne il giorno-
sonnecchia un gatto bianco
mille gru in volo

*

Haiga di Eufemia

Risaie ad Asakusa, di Hiroshige

Questa voce è stata pubblicata da Eufemia Griffo.

4 thoughts on “Sull’immagine di Hiroshige

  1. Mi richiama inevitabilmente alla mente l’usanza di offrire gli origami di gru come augurio o offerta votiva presso il tempio. Dice la leggenda che la gru viva mille anni, ed è questo augurio di vita che si dona assieme all’origami dell’uccello. Piegarne mille rafforza il concetto, poichè occorre grande bravura, dedizione e tempo. Ancora oggi offrire mille gru significa aver pensato al destinatario per tutto il tempo impiegato a creare gli origami. E’ una simbologia forte, e una tradizione molto sentita.
    Alla tradizione si lega in tempi più recenti la storia di Sadako Sasaki, la bambina affetta da leucemia in seguito all’esposizione alle radiazioni di Hiroshima, che nelle lunghe giornate di ospedale si dedicava alla costruzione di origami di gru benauguranti, nella speranza che se avesse raggiunto il migliaio sarebbe riuscita ad esorcizzare lo spettro che gravava su tutti gli abitanti della cittadina e posto fine alle sofferenze di tutte le vittime. Ne aveva composte più di milletrecento quando la mattina del 25 ottobre 1955 i suoi sorrisi e la sua voglia di vivere smisero di animare la piccola stanza d’ospedale ed entrarono nella memoria di tutti gli abitanti della città. Oggi al memoriale della pace di Hiroshima vengono deposte ai piedi della statua di Sadako Sasaki ghirlande di 1000 gru provenienti da tutto il mondo, accanto alla targa che recita “Questo è il tuo pianto. La nostra preghiera. Pace nel mondo.” Per questo motivo, l’origami della gru, è stato elevato a simbolo di pace e fratellanza per tutti i popoli nel mondo.
    Ovviamente Hiroshige non poteva avere quest’ultima vicenda in mente mentre dipingeva le risaie, ma pensando alle mille gru di questo haiga è inevitabile oggi lasciar correre il pensiero anche in quella direzione.

  2. Andrea,ti ringrazio di cuore per la fantastica,avvincente,interessantissima spiegazione e per aver raccolto tanta poesia in un gesto semplice e al contempo profondissimo quale la costruzione di origami di mille gru! Andando all’haiga di eufemia,è davvero bellissimo l’incipit,si spegne il giorno. mi ricorda un libro che lessi tempo fa ‘il sole si spegne’,vado a memoria,mi sembra dello scrittore Osuji Dasai. Il riposo di ciò che è attaccato alla terra e la metafora di ciò che si leva in volo dall’animo umano,la speranza. versi ed immagine che sublimano l’arte. Un caro abbraccio e buone vacanze, Massimo

  3. L’ho trovato subito bellissimo questo tuo haiku; c’è qualcosa di magico che ruota intorno all’atmosfera creata.
    Il gatto assopito che forse guarda perplesso le 1000 gru in volo; belle e delicate, leggere che aleggiano nell’aria e anche lui ne viene catturato.
    Bravissima e di più.
    Lucia 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: