Melodia del vento – katauta

– immagine tratta da Lezioni di piano di J. Champion

nessun rumore –
si frantuma  nelle onde
il silenzio del  mare

*

Katauta di Eufemia

ispirato alla poesia di Lucia “Melodia del vento” che potete leggere qua 

E con questo post Vi saluto cari amici, ci rileggiamo verso la fine del mese di Luglio!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata da Eufemia Griffo.

3 thoughts on “Melodia del vento – katauta

  1. Rumore, assenza di rumore, poi silenzio ed assenza di silenzio.
    Onde del mare infinito, mare costituito da infinite onde, onde costituite da infinite gocce.
    Tanti infiniti perennemente abbracciati che si confondono e si avviluppano in un infinito cosmico tanto misterioso quanto seducente.
    Perfetta dicotomia tra rumore e silenzio.
    Il mare ha una sua voce? Le onde ci parlano? Ho sempre pensato di si, attraverso quel silenzio che profuma di catarsi, di rigenerazione.
    Splendido katauta.
    Un grande abbraccio, Massimo

  2. Mi è sempre parso un misero irrisolto, i tratti di silenzio che seguono il frangersi delle onde – che sembrano impossibili dopo un rimescolamento così sregolato (che in realtà sregolato non è, ma la mente arriva in un secondo momento) – e l’attesa del frangersi sucessivo. Sono state scritte pagine e pagine su questo suono e i suoi silenzi, e sono convinto ci sia una ragione.
    Un meraviglioso omaggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: