Haiku n.157 e 158 di Massimo Baldi

Haiku n.157 e 158 di Massimo Baldi

Haiku n.157

Nebbia sul porto
un fischio sordo e cupo –
nessun gabbiano

Haiku n.158
si trastullano
tre papaveri e due iris-
nel bel tramonto

Annunci
Questa voce è stata pubblicata da Max.

4 thoughts on “Haiku n.157 e 158 di Massimo Baldi

  1. Bellissimi entrambi
    ma il primo è il mio preferito: l’immagine che si fissa nella mente è di una estate lontana e aimeh già trascorsa, in cui la nebbia dell’autunno prende il posto della luce e della felicità e rimane così, solo un mesto silenzio, a cui nemmeno un gabbiano sa resistere, al punto di andarsene altrove.
    Nel secondo haiku, la luce ritorna col tema dei fiori e in essi si confonde come metafora di vita;il tramonto non è altro che il ritorno della luminosità che scaccia la malinconia e le tenebre.Un abbraccio,
    Eufemia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: