L’intervista ad Angela Giordano – Haijin di Memorie di una geisha

 

angela

1) Presentati brevemente, indicando anche il tuo blog, se ne usi uno per pubblicare.

Mi chiamo Angela Giordano, sono nata e vivo in una cittadina montana della Basilicata, sono sposata e madre di 3 splendidi figli che riempiono la mia vita e di un marito che mi affianca e mi sprona a coltivare le mie aspirazioni.
Sono innanzitutto una pittrice, ho iniziato a dipingere più di 30 anni fa su tessuto, vetri, specchi, sughero e materiali vari, ultimamente su pietre di mare e di questo sono molto soddisfatta, non ho un mio blog personale che spero di realizzare a breve ma solo una pagina facebook ” Angela Giordano Creazioni” dove pubblico i miei lavori artistici e poetici.

2) Quando hai iniziato a scrivere cosa ti ha spinto e perché?

Premetto che già in età adolescenziale scrivevo poesie e mi cimentavo in piccoli racconti, poi la vita sociale e familiare mi ha completamente assorbito, da circa 6 anni ho ripreso a scrivere versi perchè la passione sopita è emersa fortemente e non ho fatto altro che accoglierla. Ritengo che scrivere poesie sia un modo per esprimere le proprie emozioni e di restare in contatto col mondo circostante in modo più passionale, inoltre mi ha conquistato anche la poetica giapponese che con la sua essenzialità mi ha permesso di essere più sintetica e più vicina alla natura ed al cuore delle cose.

3) Che genere di poesia scrivi? Se più di uno, in quale pensi di riuscire ad esprimerti meglio?

Amo in genere il libero verso anche se mi piace sperimentare sempre nuove forme poetiche e quindi mi cimento anche in poesie metriche, filastrocche, acrostici ecc…
Non saprei rispondere dove riesco ad esprimermi meglio, questo lo lascio dire a chi legge i miei scritti e commenta, io amo scrivere col cuore in mano, amo comunicare con più persone possibili anche su tematiche di rilevanza sociale.

4) Il tuo lavoro è influenzato/ispirato da qualche poeta del passato? Se sì, chi è e in che modo ti influenza/ispira.

La poetessa che spesso ha ispirato i miei versi è stata Alda Merini, mi piace la sua voglia di trasgredire e smantellare luoghi comuni e pregiudizi, la sua estrema franchezza, la sua poetica così diretta e priva di orpelli, schietta … io mi ci rispecchio.

5) Definisci il tuo stile poetico con un aggettivo e spiegane il motivo.

Non saprei proprio definirmi, non credo di avere uno stile poetico ben caratterizzato, bado al contenuto di quello che voglio trasmettere e naturalmente cerco di farlo con stile, mi interessa far passare i messaggi e che chi mi legge mi capisca ed apprezzi i versi.

6) Tutti i poeti hanno delle parole, delle frasi che non riescono a fare a meno di usare. Quali sono le tue parole o frasi più ricorrenti?

Le parole che non potrei fare a meno di utilizzare sono l’amore e la vita.
L’amore è quel sentimento che governa e fa andare avanti il mondo, sono felice e questo mi basta, ho una bella famiglia e un amore duraturo al mio fianco, affronto la vita con determinazione e coraggio cercando di non farmi travolgere dagli eventi.

7) Si dice che per vedere il mondo per quello che è veramente si dovrebbero guardare commedianti, artisti e poeti. Che cosa pensi emerga spontaneamente dalle tue opere?

Penso che si evinca l’attaccamento all’amore come già detto, alla vita, alle cose importanti e soprattutto alla terra in cui vivo ed alla lotta continua verso l’abolizione della violenza sui più deboli. Anche la poesia è stata e sarà un mezzo per combattere atteggiamenti sbagliati, è rivoluzionaria, aiuta a comprendere meglio alcune situazioni ed a migliorare i rapporti.

8) Spesso i poeti sono attivi anche in altri campi creativi. Oltre alla poesia ti esprimi anche in altri campi artistici non-letterari? Quali?

Come già detto prima sono una pittrice ed anche in questo campo cerco di esprimere al meglio il mio sapere , inoltre dall’adolescenza mi sono occupata di politiche sociali, ho contribuito alla nascita del 1° Consultorio di Basilicata, del circolo ARCI ( Associazione ricreativa culturale), dell’AVIS ( Associazione donatori sangue), del Progetto Cernobyl ( accoglienza bambini delle zone contaminate), dello Spazio Ragazzi ( interazione bambini italiani e zone contaminate) e per circa 20 anni del Gruppo Coordinamento Donne di Avigliano che si occupa di informazione e prevenzione al femminile.
Attualmente faccio parte dei promotori della So Crem Lucana ( Società di cremazione ) alternativa alla sepoltura tradizionale.

9) Quale tipo di letture preferisci?

Adoro i romanzi di Andrea Camilleri ma anche i saggi sull’emancipazione femminile, quelli sull’educazione dei figli, Dacia Maraini, Simone De Beavoir, Isabel Allende, G. Garcia Marquez, e tanti poeti ( Merini- Prevert- Saffo- Sinisgalli- Pavese – Szymborska)

10) In tempi recenti è sempre più frequente la pubblicazione di poesie su blog o social network. Molto spesso si possono trovare lavori interessanti e ben scritti. C’è qualche poeta che torni a leggere di frequente e che vorresti raccomandare? (se possibile aggiungi anche il link al blog).

Sul web non leggo molto i blog di poesia se non quelli dove pubblico anch’io, ho difficoltà a stare troppo tempo davanti ad uno schermo luminoso e preferisco di gran lunga leggere un buon vecchio e profumato libro.

11) Hai mai pubblicato una raccolta personale delle tue poesie? Se sì fanne una breve descrizione indicando anche i dettagli della pubblicazione (editore, distributore)

Finora non ho ancora pubblicato nessun libro mio perchè ritengo che in questa giungla ce ne siano tantissimi di poesie, in ogni caso l’idea di una pubblicazione resta e forse un giorno mi deciderò a pubblicare poesie, haiku ecc… illustrate dai miei lavori.
Attualmente sono comunque presente in tantissime antologie di poesie ed anche haiku e questo per ora mi basta.

12) Spesso i poeti sono persone eccentriche. C’è qualcosa di te che rientri in questa definizione?

Non mi ritengo una persona eccentrica ma semplicemente mi piace condividere con gli altri quello che so fare, penso che ognuno abbia delle qualità e che si debbano mettere in correlazione con gli altri, non per forza in competizione.

13) Per chiudere l’intervista cita tre dei tuoi versi che credi siano i migliori (indicando tra parentesi il titolo della poesia e, se pubblicata, dove leggerla.)

zolle scoperte-
la pioggia del mattino
sopra i germogli
( 3° classificata concorso “ Viaggio in Diciassette sillabe “ 2016)

caldo africano-
la punta del battello
segue la luna
( Estate Haiku- Edizioni della Sera 2016)

luce soffusa-
e nella stanza del tè
il giorno sfuma
( Orme di noi -Haiku Tradizionali -Luna Nera edizioni 2014)

BIOGRAFIA: ho 58 anni, sono nata e vivo tuttora ad Avigliano ( PZ) cittadina della Lucania a circa 900 metri di altitudine, non ho mai avuto un lavoro stabile ma solo collaborazioni. Ho ripreso da circa 6 anni a scrivere poesie e mi sono avvicinata alla metrica giapponese per la loro brevità ed essenzialità.
Annunci
Questa voce è stata pubblicata da Eufemia Griffo.

6 thoughts on “L’intervista ad Angela Giordano – Haijin di Memorie di una geisha

  1. Ringrazio Angela Giordano, bravissima haijin e talentuosa artista, della sua intervista, dove si racconta non solo in veste di scrittrice, ma soprattutto come donna. Un’intervista, che come le precedenti, svela degli scrittori, non solo il lato artistico, ma soprattutto quello umano. Grazie per queste risposte a 360 gradi Angela Giordano, che sono certa apprezzeranno tutti gli amici del blog e gli amanti dello haiku.

  2. Mi ha fatto un gran piacere approfondire la conoscenza di Angela, con cui ho avuto l’onore di condividere la presenza nelle antologie Hanami. Una donna dalle mille risorse, artistiche ed umane: moglie, madre, pittrice, poetessa, narratrice, filantropia e tanto altro ancora. Mi ha fatto piacere scoprire affinità di gusti nelle letture, sia poetiche sia narrative. Nel complesso, un bellissimo ritratto d’artista, impreziosito dall’impegno sociale che le fa tanto onore. Complimenti per tutti i tuoi progetti, cara Angela.

  3. Complimenti Angela per tutte le tue attività , dalla pittura alle tante forme di poesia, all’impegno sociale : abbiamo in comune la passione per alcuni scrittori, amo anch’io Maraini, Allende , Marquez ed entrambe abbiamo la serenità di un amore duraturo .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: